L’emigrazione Montatticese

L’emigrazione dei Montatticesi verso l’Irlanda non ha generato nessun elemento di rottura con il paese d’origine.
Ciclicamente questi emigrati ritornano in Italia. I legami con i familiari rimasti qui rimangono molto stretti e la terra nativa viene sempre vista come un luogo tranquillo e sicuro in cui tornare per rigenerarsi. In alcuni casi la vacanza a Montattico viene vista da queste persone come una sorta di periodo di recupero dal punto di vista della salute.

Il sole, il cibo italiano, gli spazi aperti e l’aria di montagna generano da sempre un forte sentimento di nostalgia da parte dei cittadini emigrati; chi vive lontano mantiene fitti contatti telefonici con chi invece è rimasto, e spesso segue i canali televisivi italiani via satellite.

Per tutti questi motivi potremmo definire tre tratti culturali tipici di questo fenomeno migratorio: l’uso comune di tre lingue (il dialetto locale, l’italiano e l’inglese), il forte attaccamento alla propria famiglia e la volontà di farsi una casa al paese d’origine.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *